home page
  origini  evoluzioni.asp  stili  
  > DA LEGGERE
    seminari
    fiere e convegni
    articoli
    il movimento
    biblioteca
    leggi e decreti
     
  > LE SCUOLE
    sedi
    corsi
    iscrizioni
     
  > I CENTRI
    sedi
    iscrizioni
     
  > GLI OPERATORI
    elenco operatori
    iscrizioni
     
  > GLI ALBI
    ass. di operatori
    ass. di scuole
    altro
     
  > UTILITY
    negozio
    forum
    faq
    newsletter
    annunci
    offerte di lavoro
    photo gallery
    links
    contattaci
    area riservata
     
  > IL MAGAZINE
    in questo numero
    articoli
    abbonati
     

trovate 66 news
vai a pagina 1234567891011

lunedì 13 ottobre 2003
Ultimissime 13 ottobre 2003
lunedì 7 luglio 2003
Ultimissime 7 luglio 2003
venerdì 20 giugno 2003
Ultimissime 18 giugno 2003
lunedì 9 giugno 2003
Ultimissime 10 giugno 2003
lunedì 12 maggio 2003
I NODI AL PETTINE
domenica 1 dicembre 2002
LO SHIATSU: per favore non chiamatelo


stampa la notizia

Ultimissime 10 giugno 2003

Lucio Claudio Parolin - Shiatsu-do

Lo shiatsu "sconvolge" le regole del PDL Lucchese
Situazione di stallo per lo shiatsu nel PDL Lucchese;
a nessuno piace ma non tutti se la sentono di dire "lasciateci fuor".
Il convegno organizzato a Firenze dai Verdi lo scorso 29 maggio ha segnato un momento interlocutorio sulla strada, che si preannuncia difficile e contrastata, del PDL Lucchese per le "Medicine e le Pratiche non Convenzionali".
Le relazioni di apertura avevano registrato posizioni diversificate, sostanzialmente di approvazione per l’iniziativa che proponeva una regolamentazione per un settore da troppi anni lasciato senza regole ma di perplessità, se non di disapprovazione, per i contenuti della legge.
Ma è solo con gli interventi di Pizzati e Montanini (il primo presidente dell’Assi, il secondo presidente della Ias) che si è entrati nel vivo dell’aspetto che maggiormente interessa a noi, quello relativo alle "professioni sanitarie non convenzionali esercitate da operatori non medici".
Ambedue gli interventi, anche se in maniera diversa, più politico e diretto il primo, più diplomatico e tecnico il secondo, hanno dichiarato senza possibilità di equivoco l’estraneità dello shiatsu a tutta l’area che il PDL va a costituire e regolamentare.
-Non siamo d‘accordo nel collocare lo shiatsu tra le discipline sanitarie;
-non siamo d’accordo nell’affidare all’università la formazione degli operatori shiatsu;
non siamo d’accordo su una formazione che passi attraverso la laurea triennale.
Tutto ciò fondato non su una difesa corporativa della categoria, ma sulla richiesta del riconoscimento di una "diversità culturale" che fa dello shiatsu un’"altra cosa" rispetto le discipline sanitarie; ed è su questa diversità culturale (che si concretizza in diversi approcci, rapporti, metodi e strumenti) che si è costruito in questi anni il fenomeno sociale "shiatsu" che si è diffuso ed affermato. Negare, come fa il PDL Lucchese, questa originalità significa negare l’ "anima" stessa dello shiatsu; inserirlo tra le discipline sanitarie e universitarie significa distruggere l’identità e la vita dello shiatsu.
L’On. Lucchese non ha potuto che prendere atto di questa decisa presa di posizione; la sua risposta è stata quella di proporre un "tavolo ristretto-allargato" in cui esaminare le nostre posizioni e cercare forme "non precisate" di convergenza e di accordo.
Dopo questi interventi l’On. Lucchese ha dovuto lasciare il convegno per impegni elettorali.
Il dibattito è proseguito registrando una ampia convergenza da parte di tutti gli interventi di relatori legati a discipline come la naturopatia, la reflessologia, la pranoterapia, la chinesiologia, il tuina ecc. sui contenuti già espressi dagli operatori shiatsu.
Alcuni i "distinguo", poche le voci fuori dal coro, per lo più da parte di rappresentanti di discipline riservate ai medici.
Di rilevante importanza la presa di posizione del Consigliere Verde della Regione Toscana, Fabio Roggiolani che si è fatto promotore di un PDL per la regolamentazione delle Discipline Bio Naturali in Toscana e che, in chiusura di convegno ha dato lettura del comunicato del Presidente nazionale Pecoraro Scanio in cui si ribadiva l’impegno del partito per la creazione in ambito sociale del nuovo settore per le Discipline Bio Naturali.
Il convegno, cui erano presenti circa 300 persone, ci ha permesso di verificare l’ampiezza dello schieramento che si può opporre al DPL Lucchese; si tratta ora di cercare di creare una strategia che sappia unire le forze e creare le condizioni per una opposizione radicale all’impostazione attuale del PDL Lucchese, che da parte sua non perde tempo e ha convocato già per oggi, martedì 10 giugno il Comitato Ristretto.
Venerdì 13 si riuniranno le maggiori organizzazioni dello shiatsu per verificare se, nel rispetto del pluralismo delle posizioni, sarà possibile articolare una strategia comune.


 SELEZIONA UNA PROVINCIA