home page
  origini  evoluzioni.asp  stili  
  > DA LEGGERE
    seminari
    fiere e convegni
    articoli
    il movimento
    biblioteca
    leggi e decreti
     
  > LE SCUOLE
    sedi
    corsi
    iscrizioni
     
  > I CENTRI
    sedi
    iscrizioni
     
  > GLI OPERATORI
    elenco operatori
    iscrizioni
     
  > GLI ALBI
    ass. di operatori
    ass. di scuole
    altro
     
  > UTILITY
    negozio
    forum
    faq
    newsletter
    annunci
    offerte di lavoro
    photo gallery
    links
    contattaci
    area riservata
     
  > IL MAGAZINE
    in questo numero
    articoli
    abbonati
     

trovate 66 news
vai a pagina 1234567891011

mercoledì 20 febbraio 2008
CONVEGNO A MILANO
domenica 1 aprile 2007
GRANDE PETIZIONE POPOLARE
martedì 13 marzo 2007
E' morto Mario Vatrini
giovedì 1 marzo 2007
Storia dello shiatsu: gli inizi parte 2
giovedì 1 marzo 2007
Storia dello shiatsu: gli inizi parte 1
venerdì 1 dicembre 2006
Soffia un vento nuovo 1



testo completo

E' morto Mario Vatrini

Claudio Parolin - Shiatsu-do

Quando ebbi l’avventura di entrare nel seminterrato di via Arese, a Milano,
dove il primo gruppo di pionieri praticava
shiatsu riunito attorno a Yuji Yahiro, si parlava di "Mario", che era andato in Giappone a studiare con Masunaga. Eravamo a metà degli anni ’70 e già "Mario" aveva conquistato
una figura centrale nella storia e un ruolo propulsivo nell’evoluzione dello shiatsu italiano.
Non è mai stato un personaggio "facile".
È stato protagonista delle più importanti vicende dello shiatsu italiano
(primo presidente dell’Accademia Italiana Shiatsu Do nel ’85, primo presidente della Federazione Italiana Shiatsu nel ’90,fondatore dell’Hakusha nel ‘96 ecc.) ma ha sempre poi preso le distanze da tutte le organizzazioni, assumendo il ruolo di "coscienza critica" rispetto le "devianze" che la diffusione e la popolarizzazione dello shiatsu generava via via negli anni.
"La vecchia zitella dello shiatsu" lo definivo quando, negli incontri conviviali periodici,
si lanciava in filippiche veementi contro l’inaridimento della passione, la commercializzazione delle scuole, la scolarizzazione di massa dello shiatsu, l’appiattimento nelle istituzioni.
Era un vero ricercatore; non si è mai accontentato di quello che c’era già e vedeva
sempre un pochino più in là, forte della vasta cultura, della lunga esperienza e dell’assidua pratica quotidiana.
Le intuizioni erano geniali, i contributi preziosi, gli apporti rivoluzionari.
Da oltre un anno sapeva di avere un tumore che lasciava poche speranze di sopravvivenza;
ha combattuto la sua ultima battaglia con grinta, impegnato a vivere "meglio" le relazioni familiari e amicali e tramandare a quanti gli stavano attorno il "meglio" dello shiatsu.

Possiamo affermare senza dubbi che, senza Mario, lo shiatsu italiano non sarebbe quello che è.
Valorizzare il patrimonio che ci ha lasciato è un compito e un "piacere" che, già dal
prossimo numero di "Shiatsu Do", ci assumiamo;
così potremo continuare a godere della compagnia di un amico e di un compagno di strada nello "shiatsu do".

Claudio



 SELEZIONA UNA PROVINCIA