home page
  origini  evoluzioni.asp  stili  
  > DA LEGGERE
    seminari
    fiere e convegni
    articoli
    il movimento
    biblioteca
    leggi e decreti
     
  > LE SCUOLE
    sedi
    corsi
    iscrizioni
     
  > I CENTRI
    sedi
    iscrizioni
     
  > GLI OPERATORI
    elenco operatori
    iscrizioni
     
  > GLI ALBI
    ass. di operatori
    ass. di scuole
    altro
     
  > UTILITY
    negozio
    forum
    faq
    newsletter
    annunci
    offerte di lavoro
    photo gallery
    links
    contattaci
    area riservata
     
  > IL MAGAZINE
    in questo numero
    articoli
    abbonati
     

trovate 33 sentenze
vai a pagina 1234

LEGGE DBN - LIGURIA
07/03/2006 - LEGGE REGIONALE
progetto Lucchese sulle discipline bionaturali
01/02/2005 - proposta di legge
LEGGE DBN - LOMBARDIA
25/01/2005 - LEGGE REGIONALE
LEGGE DBN -TOSCANA
03/01/2005 - LEGGE REGIONALE
LEGGE DBN - LIGURIA
19/10/2004 - LEGGE REGIONALE
LEGGE DBN - PIEMONTE
20/05/2004 - LEGGE REGIONALE
FRANCIA - REL. MEDICINE NON CONV.
12/05/2003 - RELAZIONE
PORTOGALLO - REL. MEDICINE NON CONV.
12/05/2003 - RELAZIONE
BELGIO- REL. MEDICINE NON CONV.
12/05/2003 - RELAZIONE
OLANDA - REL. MEDICINE NON CONV.
12/05/2003 - RELAZIONE
 
74 - 07/03/2006
LEGGE DBN - LIGURIA
Liguria - Discipline bionaturali
All'unanimità è stato approvata la proposta di legge (di Luigi Cola ed altri del centro sinistra)
"Norme in materia di discipline bionaturali per il benessere".
La legge era stata impugnata dal governo per conflitto di competenza ed ha subito numerosi emendamenti che tengono in maggior conto le normative nazionali.
Per discipline naturali si intendono lo shiatsu, la riflessologia, lo watsu, la pranopratica, il massaggio e tutte quelle discipline e pratiche che hanno come finalità il mantenimento o il recupero dello stato di benessere della persona.
La legge istituisce l'elenco regionale delle discipline bionaturali, prevede la qualifica di operatore e un comitato regionale delle discipline bionaturali per il benessere.
Luigi Cola (Ds) ha ricordato che gli operatori del settore sono oltre 100 mila in tutta Italia e che fino ad oggi non sono stati sottoposti a nessuna normativa che tutelasse gli utenti e certificasse la qualità del loro lavoro.
«Fino ad oggi questi centri si sono autoregolamentati, ma occorre una disciplina che guardi avanti e tenga conto delle nuove tendenze sociali.»
Espressioni di consenso alla legge sono venute anche da Gino Garibaldi (Forza Italia) e da Cristina Morelli (Verdi).
Marzo 2006

 



 SELEZIONA UNA PROVINCIA